mercoledì 29 aprile 2015

0 Tutorial: Fiori - seconda parte

Continuo con I fiori. che era poi quello che volevo fare la volta scorsa, (e con volta scorsa mi riferisco a QUESTO) ma che poi mi sono persa lungo la via per affrontare un altro discorso.

Quindi, se l'altra volta si disquisiva su come evitare di appesantire troppo i fiori con l'inchiostrazione, oggi cerco di far vedere un pò come si può fare per dare un pò di volume ai petali con il colore.


Questi sono i fiori che ho scelto, semplici e conosciuti.
Partiamo con questi piccolini azzurri, che mia nonna ha sempre chimato 'occhi di Madonna'.


Sono talmente piccini e con petali così rotondetti che viene difficile colorarli, a meno che non siano molto zoomati.
Per prima cosa parto creando la sfumatura interna, giallina, con un puntino di Y21 che vado poi a sfumare con un chiarissimo Y000. 


http://www.ortonaturale.it/images/blog/2014/primavera/fiori-veronica-comune-occhi-della-madonna.jpg
Foto di Cristiano Natali su http://www.ortonaturale.it
Successivamente parto dall'esterno dei petali con l'azzurro più scuro. Quindi B23 e a seguire B12 e B0000. qui in foto, per rendere chiari i passaggi, ho fatto vedere la disposizione in aree ben distinte perchè fosse più chiaro il concetto, ma in realà è meglio lavorare uno o due petali alla volta interamente, per essere sicuri di avere una bella sfumatura omogenea (infatti, per sfumarli benino per arivare ad un risultato come quello della foto in alto a destra, ci sono dovuta ripassare un sacco di volte!).
Infine ripasso il colore più scuro per creare piccole lineette che danno la texture al fiorellino.

Quando i fiori sono tanti  e simili tra loro, il trucco per non farli sembrare troppo finti, è quello di posizionarli in modo che assumano diverse angolazioni!, quindi anche visti dal retro o di scorcio, come l'esempio nell'ultima foto.

Si prosegue con un classico, le rose:
 

si potrebbe discutere tanto sulla maniera di costruire il disegno, ma la verità è che un pò vado a occhio e un pò a copia dal vero, anche perchè ogni tipo di rosa ha i petali diversi.
Ne ho disegnate un paio, per vedere una versione più chiara e una più scura.
Seguendo il principio dello scorso tutorial, essendo la rosa un fiore dal disegno complesso per via della moltitudine di petali, la colorazione sarà mlto semplice.

Stendo infatti la base piena, piatta, R35 per la scura e R20 per la chiara.
Seguo poi con i toni intermedi (RV19 per la scura e RV11 per la chiara), disponendoli in una lunetta sfumata nella parte inferiore di ciascuna rosa, seguendo appena appena i contorni dei petali, non è importante. questa è un'ombra che serve a dare rotondità al fiore, supponendo che la luce venga dall'alto. 

la metà superiore, invece, continua ad avere la base chiara e le ombre tra un petalo e l'altro saranno più definite. 
Per farle, uso delle pennellate semplici, e con ciascuna faccio un petalo. come si vede nella foto, in alto a destra, dove ho dato qualche pennellata di prova.

 

Infine con il colore più scuro (RV69 e Rv34) vado ad applicare questi piccoli tocchi anche nella parte inferiore, sulla lunetta più scura, e praticamente solo lì, per separare bene i petali, dando così il volume.

(in ultimo, uno schemino rozzissimo su come ottenere i petali delle rose, è stato il modo migliore di sintetizzare che mi sia venuto in mente, scusate...) 

E... anche la semplicità ha i suoi trucchetti. come una margherita.


l'ho divisa in due parti, inchiostrandone una coi petali neri  e l'altra con un pennarellino grigio, per dare un efeftto più soft e luminoso.

In entrambe le metà ho usato il B60 come tono più scuro.
Quella in alto ha le ombre chiare di base fatte con un grigio C-0, mentre quelle di sotto sono fatte con B0000.

Il risultato è che la parte grigia sembra più realistica e pastellosa, mentre quella inferiore più satura e luminosa.

(quando si disegnano le margherite, per non farle sembrare troppo rigide con una corolla che ricrei un cechio perfetto, consiglio di disegnare il secondo strato di petali, quello sotto, in maniera tale che spuntino tra quelli sueriori in maniera casuale e asimmentrica, non per forza alternanti perfettamente)


Per il pistillo ho dato una base con Y21 e le ombre con YR23, ripassando poi Y21 per sfumare e blendare meglio il tutto. ho disposto le ombre pensando come ad una ciambella, per rendere l'idea che fosse leggermente incavato al centro.

Un ultimo consiglio per quando si devono disegnare tanti piccoli fiori che sembrano una grande massa: prendiamo per esempio una fioritura di ciliegio.

Anche i fori, come gli oggetti, seguono la prospettiva. normalmente, singoli, non ne risentono visivamente, ma in massa, come si fa a rendere l'idea, dato che le chiome degli alberi spesso sono sagome informi e dalle forme irregolari?


Il trucco è disegnare chiaramente solo i fiori più vicini all'osservatore, (qui applico anche il trucchetto di metterne qualcuno di scorcio) e andare man mano a perdere dimensioni e contorni finchè i fiori diventano solo una texture da ottenere col colore, di cui non spiego nemmeno la dinamica della stesura perchè credo che la foto parli da sè.

Dico solo che alla fne ho dato dei puntini gialli ai pistilli (Y21) e scurito alcuni piccioli (RV69), per concludere con qualche dettaglio con una penna molotow ad acrilico bianco.

Sperando sia stato utile a qualcuno, alla prossima!

Alice

venerdì 24 aprile 2015

2 Tutorial creare un sceneggiata con timbri


Ciao tutti,

Vi ho preparato un tutorial come creare un sceneggiata con due timbri.
Un timbro usiamo per lo sfondo ( in questo caso un giardino pieno di fiori )
l'altro timbro è il personaggio ( in questo caso una bambina ).

Mi serviva un biglietto da comunione per una bimba che piace il giallo.

Ho preso due set di timbri di Marianne Design, 
farfalle e giardino e la bambina si chiama Daisy.



Ho tagliato un rettangolo con una fustelle di MFT
usando carta Perfect Colouring Paper


Ho timbrato Daisy su un pezzo di carta adesiva,
l'ho messo sopra il rettangolo tagliato.


Adesso timbro i fiori , coprendo anche Daisy


Adesso tiro Daisy via della carta timbrata,
rimane una sagoma bianca


Dove c'è lo spazio bianco viene timbrata Daisy..
un sceneggiata è stata creata..adesso si può colorare.
Ho aggiunto anche due farfalle 
( sempre  timbrati , ma piegati ed incollati solo al centro ).


Il risultato finale..

Ho usato 
timbri Marianne Design
 CS 0926 farfalle / giardino
DDS 3351 Daisy 
fustelle MFT - Die-namics blueprint 21
fustella Noor Design 
distress ink spun sugar
perle
Prima S. comunione scritto a mano


Copic usati :

verde : G 40, G 43, G 46 
G 94, G 97, G 99
fiori : RV 32, RV 34,
Y 13, Y 15, Y 18
BV 11, BV 13, BV 17
capelli Daisy : E 21, E 35, E 57, E 99
pelle Daisy : E 00, E 11, E 13, R 20
vestito : Y 11, Y 13, Y 15, Y 17, C00, C 1, molotov bianco
farfalle : Y 11, Y 15, Y 18
RV 32, RV 34, BV 11

A presto, 
un abbraccio Blankina





mercoledì 22 aprile 2015

0 Tutorial: Cammeo primaverile



   Hola! 
   Oggi vi propongo una cosetta diversa. Il personaggio lo conoscete già, è sempre la mia amata Celeste (ha il segno dell'Omega tra i capelli invece che al collo), ma ho pensato di rappresentarla come su un antico cammeo, fatto quindi di vari materiali preziosi. 


   La lineart è fatta su carta copic sottile, ho scelto delle decorazioni floreali per rimanere in tema con la stagione primaverile.
   Generalmente quando si ha a che fare con motivi piccoli e molto dettagliati si evita di disegnare proprio tutto, altrimenti fra colore e contorni, l'insieme si appesantisce molto. Basta il colore per fare il dettaglio.


   La pietra di base avrà delle venature come quelle del marmo, per realizzare questo effetto bagno la zona con l'R00, e molto rapidamente vado a riempire le zone scure con l'E04, un rosa antico scuro, ripassando eventualmente dove voglio che sia più scuro.
   In questa fase la rapidità e il comportamento del foglio bagnato sono essenziali per avere delle venature sfumate ma definite a sufficienza.


   Con E70 e E71 coloro il profilo in rilievo, l'ombra quindi cadrà sulle zone più esterne perchè meno esposte alla luce, oltre a seguire i profili dell'incisione del volto e dei capelli.


   Adoro colorare i dettagli dorati con Y28, è un tono che rende perfettamente il materiale, secondo me. Un giallo scuro e freddo al punto giusto.
   Coloro il fusto e le foglie della pianta tramite macchie piuttosto nette, contrapposte ai riflessi lasciati in bianco, sulle zone più in rilievo.



   Con E93 prima e RV95 subito dopo, vado a riempire, non integralmente ma lasciando zone di luce, i petali dei fiori.


 Con la punta a pennello del W-5 vado molto delicatamente a rendere le perle davvero "rotonde", colorando una zona d'ombra a forma di "C",


 Sempre con W-5 e con W-1 creo i riflessi anche sulla parte del fiocco. Luce al centro, ombra sui lati esterni delle singole parti del nastro.


 Con G000 e G21, creo un'ombra esterna diffusa e delicata, che farà da sfondo per far risaltare l'insieme (verdi e rossi sono complementari).



    Intingendo il pennello nel bianchetto, distribuisco abbondanti punti luce su tutto quanto.



    Ed ecco fatto! Disegnare questo tipo di decorazioni è molto rilassante, esistono infinite geometrie e motivi da poter ricreare e combinare fra di loro.
    L'effetto è sempre garantito, soprattutto scegliendo bene i colori e non perdendosi in troppi dettagli in fase di inchiostrazione del disegno. Provate!

Alla prossima,
Lidia

lunedì 20 aprile 2015

0 Thinking of you today!

Ciao a tutti e bentornati.
Oggi condivido con voi una nuova card.
Il timbro è "Pickles Sharing The Love" di Lacy Sunshine, una deliziosa marca di timbri che ho recentemente scoperto, ma penso che utilizzerò spesso!
Devo proprio ammetterlo, questa rana è davvero troppo simpatica! Mi sono divertita a colorare la mongolfiera con un bel pò di colori brillanti e accesi per per enfatizzare ancora di più l'allegria e la leggerezza che la scena trasmette.
La card è realizzata con bazzil, pattern  Echo Park, sentiment Stampenedous e i cuori sono una fustella Kesi Art.
Grazie per avermi seguita, a presto.

Copic utilizzati:
Rana: YG 61-63  YG 00-01-03
Mongolfiera:Y 11-15-18 YG00-01-03-17 
                    BG 00-01-02-05 B 61-63 R 22-24-27 W 0-1-3-5
Fiori: Y11-15  R20-24
Cuori: R20-22-24


Grazie per la visita 
Thanks for visiting
Vi aspetto gradite ospiti sulla mia pagina FB

mercoledì 15 aprile 2015

0 Tutorial: Fiori - bilanciare colore e lineart


Allora... Avevo in mente un tutorial su una cosa, e alla fine ne è venuta un'altra XD

L'idea era di omaggiare la primavera con un tutorial sulla realizzazione dei fiori, ma mentre preparavo i disegni da colorare, mi sono resa conto che c'era un altro aspetto importante e non così scontato da far venire a galla!

Parlo dell'inchiostrazione. Che se non usate i multiliner centrano poco coi copic, ma in realtà... Una cosa che non tutti sanno è che l'inchiostrazione varia se un disegno è pensato per essere fatto in bianco e nero o a colori. Nel caso dei colori, l'inchiostrazione deve essere più leggera perchè saranno proprio i colori a rendere i volumi e non ci sarà bisogno di ombre, tratteggi, retini fatti col nero.
quindi sfrutto i fiori che stavo disegnando per parlare di questo!


La scansione sembra strana, vero? è dovuto al fatto che per rendere più chiaro il concetto non ho colorato e inchiostrato sullo stesso foglio... Ho preso degli acetati trasparenti, ci ho inchiostrato con un pennarellino nero da cd (e successivamente anche con dei copic, per un altro tipo di esempio) e li ho sovrapposti su un foglio di carta su cui ho usato due tipi di colorazione senza linee.

Questo è il risultato che si vede sul foglio senza l'inchiostro nero. Come potete notare c'è un bilanciamento tra inchiostro e colore: la lineart più elaborata e dettagliata ha una colorazione semplice, mentre la lineart semplice ha una colorazione più elaborata, e per far notare la differenza ho usato gli stessi colori sopra e sotto (tranne i puntini del giglio, che sono stati aggiunti con BV01 e E71)



Anche nel caso la lineart non sia nera, ma colorata, bisogna sempre valutare gli equilibri. In questo caso alla colorazione semplice ho associato una lineart colorata, mentre a quella complessa un semplice monocromatico. ora la domanda cruciale... PERCHE'?


Perchè i fiori sono di solito delicati. Dare loro troppo tratteggio, o troppe ombre può farli apparire finti o pesanti. Infatti, a volte, solo i contorni dei petali vengono fatti più chiari. Inoltre, a meno che non si tratti di un accessorio direttamente legato al personaggio, generalmente si tratta di sfondi. E tutti sappiamo che il protagonista assoluto dell'immagine deve essere il personaggio. Uno sfondo troppo dettagliato potrebbe spingere un lettore a perdersi nel focalizzare tanti dettagli, perdendo di vista il contenuto principale. (certo se il soggetto dell'illustrazione è un fiore, è tutto un altro discorso!)

Un altro esempio: Ho disegnato delle ortensie, spero che si riconoscanoXD le ho scelte perchè sono dei fiori composti.


Tanti piccoli fiorellini che formano una palla. Ne ho disegnate due e ne ho unchiostrata una completa dettaglio per dettaglio. Ho fatto ogni siangolo fiorellino e le venature delle foglie. Nell'altra sono stata più sintetica, abbozzando solo qualche fiorellino, soprattutto nelle zone che ho previsto andassero in ombra, e lasciato il resto bianco. Anche nelle foglie ho fatto solo la venatura centrale che dà la forma concava. I colori sono gli stessi per entrambe, a sinistra i vedi delle foglie e a destra i rosa dei fiori. In aggiunta c'è un Y11 con cui alla fine ho picchiettato il centro di qualche fiorellino per schiarirlo.


Le ho disegnate su un foglio sottile in modo che si vedesse bene anche dal retro la differenza tra le due colorazioni.
Il disegno l'ho poi specchiato in digitale, per cui il disegno di destra equivale davvero alla lineart di destra e viceversa.
Anche qui, il fiore molto dettagliato è stato colorato con una sfumatura semplice gradiente tra i tre colori. L'unica cosa che spezza sono dei puntini più scuri dovuti alla pressione del giallo Y11 passato alla fine, che ha spinto il colore precedente nelle fibre della carta per fare posto al proprio.


Dall'altra parte otteniamo invece un effetto più leggero e luminoso (diminuendo la quantità di inchiostro nero l'effetto generale è meno spento) e si notano molti più puntini, che sono i petali, fatti con piccoli sbaffi di colore, per rendere la sfumatura di base più movimentata, quasi 'ruvida' in cima, per enfatizzare l'effetto, ho dato qualche puntino bianco con una penna gel.
Ricordo che tutto questo funziona perchè l'inchiostro è dato o non dato in corrispondenza di luci e ombre dell'oggetto.

Gli astri e la connessione sono contro di me, quindi ci si sente alla prossima per vedere com'è facile fare fiori a copic, invito tutti gli amanti dello shojo a farsi avanti! Saluti.

Alice









martedì 14 aprile 2015

0 Copic multiliner doodeling segnalibro


Ciao tutti !

Ho avuto modo di provare i nuovi colori del Copic multiliner 
durante una dimostrazione,mi piacciono tanto!!
Ho preso un pezzo di Perfect Colouring Paper e ho iniziato a mettere 
delle linee e fiori con i multiliner cobalt e olive.

Per chi non lo conosce ancora, 
sono multiliner ( fine liner di Copic ) in diversi colori. 
Con questi si possono fare dei disegni insieme ai Copic senza che le linee "sbavano".

Ci sono diverse linee, 
vedi foto qui sotto...



Copic Multiliner classic 
nero 
punte 0.05 fino a 1.0 mm
brush M , Brush S

coloured 
0.05, 0.1, 0.3, 0.5 
cool grey, warm grey, brown, sepia, wine, sakura, olive, cobalt

Copic Multiliners SP
( ricaricabile )

nero
0.03 - 0.7 mm + brush

colour
12 colori in 0.3 mm + brush


Ho anche messo qualche accento con i atyou spica 
la linea glitter di Copic.
Ho usato i colori Turquoise e Melon .



Copic usati per colorare 
B 41, B 45, B 39
G 40, G 43, G 46

A presto!

Un abbraccio Blankina



venerdì 10 aprile 2015

0 Gorjuss in BG no lines technique


Buongiorno!

Come avete passati i giorni di Pasqua?
Spero bene..

Oggi vi faccio vedere un biglietto per un compleanno di un teenager,
molto delicato con la tecnica no lines.
Ho usato inchiostro memento LONDON FOG.

Normalmente coloro i capelli  dei timbri di Gorjuss 
con i grigi/neri ( vedi tutorial qui )
ma questa volta ho scelto un biondo miele.
Credo che sta meglio con le linee "soft"  del memento grigio.

Il timbro di gomma ( cling stamp ) è molto grande e ho solo usato la parte superiore.
L'ho fatto uscire del cerchio, lo sfondo era bianco ( carta Perfect Colouring paper )
ma dopo aver usato un stencil , un dauber con inchiostro distress 
Weathered Woods di Tim Holz 
e po' di colla a glitter era subito più divertente.



Il vestito è "dritta" ma ho creato delle pieghe
 usando tre colori di BG ( 72 , 75, 78 ), 
veramente anche con un tocco di un quarto BG ( 18 ).

Le fustelle sono di MFT ( die- namics ) & Marianne Design .
Il nastro e la carta sono sempre di Gorjuss.

La scritta è timbrato con l'inchiostro memento RICH COCOA,
il timbro è di My Favourite Things.
Il stencil è di TWC.


Al vivo è più bello , non riesco mai a fare una foto degno...
Spero che vi piace comunque...

Copics  : 

vestito / dress : BG 18, BG 72, BG 75, BG 78
pizzo / lace : R 0000, R 00, R 02 , molotow bianco
pelle / skin : E 00, E 11, E 13, R 11, R 20
capelli / hair : E 21, E 23, YR 20, YR 21
ombre / shadows : E 41, E 42, E 43, E 44

A presto, un abbraccio,

Blankina